AIM Reti

Come ottenere la fornitura di gas

Attivazione o riattivazione della fornitura di gas

 

Campo di applicazione:

  • attivazione della fornitura (avvio della fornitura a seguito di nuovo contratto o modifica contrattuale);
  • riattivazione della fornitura a seguito di sospensione su disposizione delle Autorità competenti o per situazione di pericolo (p.es.: dispersione di gas dall’impianto del gas);
  • riattivazione della fornitura sospesa su richiesta del cliente finale;
  • riattivazione della fornitura sospesa per modifica dell’impianto di utenza (p.es.: in caso di spostamento del contatore);
  • riattivazione della fornitura sospesa  per morosità.

 

Presenza del cliente finale

La fornitura può essere attivata/riattivata solo in presenza in loco del cliente finale o di un suo Incaricato.

L’incaricato dal cliente finale dovrà essere maggiorenne, avere la possibilità di accedere ai locali e di consentire all’operatore di Servizi a Rete gli eventuali accessi necessari per eseguire l’attività prevista. L’incaricato deve essere informato dal cliente finale che dovrà esibire i propri documenti di riconoscimento e dovrà sottoscrivere il verbale di attivazione/riattivazione fornitura gas in sua vece, apponendo le proprie generalità.

 

Presenza dell’installatore o dell’idraulico di fiducia

La presenza dell’installatore o dell’idraulico di fiducia è sempre necessaria nei seguenti casi:

  • assenza di apparecchi installati da cui rilevare la disponibilità di gas (p.es.: piano cottura).
  • attivazione/riattivazione di impianti con fornitura in media pressione (maggiore di 0,04 bar) e per impianti con elevata potenza (maggiore di 75 kW, classe contatore superiore a G6), al fine della verifica della tenuta dell’impianto. In tali casi si consiglia di lasciare in pressione l’impianto, scaricandolo solo alla presenza dell’operatore di Servizi a Rete;
  • impossibilità di identificare univocamente l’impianto del cliente finale. La fornitura potrà essere attivata solo nel caso in cui sia possibile individuare univocamente la corrispondenza tra l’impianto interno del cliente finale e il contatore da attivare

 

Documentazione tecnica da presentare a Servizi a Rete (distributore)

Ai fini dell’attivazione/riattivazione della fornitura verranno accettati, ove necessari, esclusivamente i moduli A/12 e B/12, da consegnare al personale di Servizi a Rete  all’atto della prestazione, e/o la documentazione da assoggettare ad accertamento della sicurezza ai sensi della Del. AEEGSI 40/2014/R/gas (clicca qui).

Il Modulo A/12 è utilizzato per attestare la tenuta dell’impianto di utenza ed è obbligatorio per ottenere la attivazione/riattivazione nei seguenti casi:

  • al primo appuntamento per la riattivazione della fornitura gas ad impianti con fornitura sospesa da Servizi a Rete  per potenziale pericolo o per anomalia;
  • all’appuntamento successivo al primo che non sia andato a buon fine per esito negativo della verifica di tenuta dell’impianto o della documentazione presentata.

Il Modulo B/12 è utilizzato come verbale di prova della tenuta dell’impianto di utenza all’atto dell’attivazione della fornitura nei casi in cui la prova è di competenza dell’installatore/idraulico incaricato dal cliente finale e deve essere rilasciato esclusivamente il giorno previsto per l’attivazione/riattivazione della fornitura, quindi è accettato solo se reca tale data.

Il Modulo A/12 e il Modulo B/12, pena nullità, devono recare in allegato copia del certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali dell’installatore di cui al D.M. 37/08, art. 3, comma 6, oppure, in alternativa, la visura camerale recante i medesimi requisiti in corso di validità.

La data dei Moduli A/12 e B/12 deve essere compresa entro i 12 (dodici) mesi successivi alla data di rilascio del certificato di abilitazione/visura camerale o dalla data di conferma di validità dello stesso documento espressa mediante autocertificazione in calce, a firma del titolare dell’impresa.

 

Attivazione della fornitura

In sede di attivazione/riattivazione della fornitura,

  • deve essere verificata la corretta associazione tra contatore ed impianto dell’utente: verrà chiesto al cliente di aprire le valvole generali dell’impianto e di accendere il piano cottura per alcuni secondi. In assenza del piano cottura, l’operazione deve essere fatta su un terminale dell’impianto dall’installatore/idraulico;
  • deve essere verificata l’assenza di dispersioni o l’idoneità al funzionamento dell’impianto. La prova di tenuta è effettuata dall’operatore di Servizi a Rete salvo i casi in cui è di competenza dell’installatore/idraulico (si veda la tabella riassuntiva), nel qual caso l’incaricato di Servizi a Rete verifica la tenuta acquisendo il Modulo B/12  compilato dall’installatore/idraulico.

In questa seconda ipotesi:

  • la prova deve essere ultimata dall’installatore/idraulico prima dell’arrivo sul posto dell’operatore di Servizi a Rete. Il verbale di prova (Modulo B/12) deve essere redatto il giorno dell’attivazione, contestualmente alla prova;
  • l’installatore rilascia all’operatore di Servizi a Rete il verbale (esito positivo o negativo) costituito dal Modulo B/12 e copia del certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali o visura camerale dell’installatore stesso in corso di validità;
  • solo nel caso in cui il Modulo B/12  attesti l’esito positivo della prova, l’operatore Servizi a Rete provvederà ad attivare la fornitura.

In generale, se l’esito della prova è positivo, e in assenza di altri elementi ostativi, la fornitura è attivata.

La valvola a monte del contatore è lasciata chiusa. A completamento dell’attività l’operatore di Servizi a Rete fornirà al cliente le istruzioni e le raccomandazioni per la messa in servizio dell’impianto interno.

Viceversa, se l’esito della prova è negativo, la fornitura non è attivata e si rilasciano al cliente le indicazioni per la successiva richiesta di attivazione, unitamente ad una copia del  Modulo A/12 e, ove previsto, del Modulo B/12.

 

Messa in servizio e responsabilità

Nel caso di impianto di utenza nuovo, o di impianto di utenza modificato/trasformato, le attività di messa in servizio dell’impianto interno sono di competenza esclusiva dell’installatore/idraulico abilitato.

L’impianto non può essere utilizzato prima dell’avvenuta messa in servizio da parte dell’installatore e del rilascio al cliente della relativa dichiarazione di conformità.

Servizi a Rete mette in atto ogni attenzione e cura per garantire il più alto standard di sicurezza alla propria impiantistica e alle modalità di distribuzione del gas.

In un ottica di piena collaborazione con i propri clienti, Servizi a Rete ricorda che la legge attribuisce al proprietario dell’immobile ogni responsabilità riguardo l’uso e manutenzione dell’impianto privato, dal punto di collegamento al contatore di Servizi a Rete in poi.

 

Schema riassuntivo per l’applicazione delle LG 12/2015

Classe del contatore / pressione di fornitura

Obbligo di presenza del cliente finale o suo incaricato

Obbligo di presenza dell’installatore

Modulo A/12 da consegnare all’operatore Sevizi a Rete

Modulo B/12 da consegnare all’operatore Servizi a Rete

Prova di tenuta

Messa in servizio dell'impianto interno

Classe ≤ G6 e pressione di fornitura in BP ≤ 40 mbar

SI

NO

facoltativo/SI

NO

Eseguita dall'installatore al rilascio del Modulo A/12.

Rieseguita dall'operatore Servizi a Rete all'attivazione fornitura.

Competenza dell'installatore, sotto la responsabilità del proprietario e/o cliente finale

Classe > G6 e pressione di fornitura in BP ≤ 40 mbar

SI

SI

facoltativo/SI

SI

Eseguita dall’installatore nella data di attivazione (deve essere ultimata prima dell'arrivo dell'operatore Servizi a Rete)

Competenza dell'installatore, sotto la responsabilità del proprietario e/o cliente finale

Qualsiasi classe e pressione di fornitura in MP/AP > 40 mbar

SI

SI

facoltativo/SI

SI

Eseguita dall’installatore nella data di attivazione (deve essere ultimata prima dell'arrivo dell'operatore Servizi a Rete)

Competenza dell'installatore, sotto la responsabilità del proprietario e/o cliente finale