AIM Reti

27/02/2019

SAR vince la gara per l’illuminazione pubblica di Posina

Servizi a Rete SAR, società del Gruppo AIM, si è aggiudicata in qualità di impresa mandataria, la concessione per la riqualificazione energetica e gestione degli impianti di pubblica illuminazione nel comune di Posina, tramite la modalità denominata project financing (finanza di progetto). L’importo della concessione, della durata di vent’anni, è di 412.000 euro complessivi, che comprende l’investimento iniziale di circa 110 mila euro per il rinnovo dei punti luce, nonché la successiva gestione degli impianti per l’intera durata della concessione. Saranno messi a norma tutti gli impianti e le linee di illuminazione pubblica, sostituiti oltre 200 punti luce, installati telecontrolli e lampioni fotovoltaici nella pista ciclabile, attivate le telecamere per la messa in servizio del Targa System per i controlli delle autovetture.

 

Servizi a Rete SAR si è aggiudicata il miglior punteggio sia nella parte tecnica che nella parte economica, dimostrando capacità professionale e competitività in un mercato in forte espansione, caratterizzato dall’innovazione sui temi del risparmio energetico.

 

In termini ambientali, si stima una riduzione di CO2, quale gas serra, di oltre 10 tonnellate/anno che verranno dichiarate al Gestore Servizi Energetici per ottenere l’accreditamento di certificati bianchi, che rappresentano altrettanti Titoli di efficienza energetica e che caratterizzano la qualità anche in termini ambientali del progetto che verrà realizzato. Il risparmio energetico ottenibile attraverso le nuove tecnologie illuminotecniche e di controllo del flusso luminoso sarà mediamente del 70%.

 

L’intervento di rinnovamento tecnologico consentirà di sostituire le vecchie lampade a scarica (sodio e vapori di mercurio) con lampade dotate della più recente tecnologia a led, aventi la caratteristica di garantire un elevato risparmio energetico in termini di elettricità consumata, contribuendo quindi a ridurre le quantità di gas serra generate per produrre energia da fonti non rinnovabili.

 

I nuovi impianti saranno dotati anche di un sistema di telecontrollo sul singolo punto luce per avere il controllo dei parametri di funzionamento e la possibilità di una regolazione puntuale dove e quando necessario. La piattaforma informatica consentirà un monitoraggio costante dei punti luce spenti, fornendo informazioni giornaliere per la pianificazione delle manutenzioni e riparazioni.

 

Infine, il sistema di trasmissione dati lungo le linee elettriche o tramite onde radio, costituirà la dorsale per attivare nuovi servizi ai cittadini nell’ambito del progetto “Smart City” quali videosorveglianza delle aree pubbliche, connettività wi-fi, pannelli a messaggio variabile, la gestione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici, stazioni rilevamento dati ambientali, postazioni interattive e colonnine SOS, attivazione di pulsanti per aumentare l’efficienza luminosa di un apparecchio a led in corrispondenza di un attraversamento pedonale, telelettura contatori, automazione massiva delle cabine dei servizi pubblici, gestione flotte aziendali, ecc.

 

(Nella foto allegata, un impianto di illuminazione pubblica realizzato a Vicenza da SAR)